logo GamerClick.it


    -

    Il viaggio è un mondo in cui l’avventuroso è quotidiano e la quotidianità è avventurosa.
    - F. Caramagna

    Rendere il quotidiano, la semplicità e i banali momenti di vita corrente qualcosa di unico e indimenticabile: questo, da sempre, è il più grande talento di Shinkai sensei, più precisamente lo Shinkai degli inizi, il giovane uomo dai sogni malinconici e silenziosi, quello della neve che cade per sempre, ma non gela i cuori, quello dei treni infiniti... [ continua a leggere]
    -

    Abbiamo condannato il lupo non per quello che è, ma per quello che abbiamo deliberatamente ed erroneamente percepito che fosse - l’immagine mitizzata di uno spietato assassino selvaggio - che, in realtà, non è altro che l’immagine riflessa di noi stessi.
    - Farley Mowat

    Bastano pochi secondi dei titoli di testa per invaghirsi di questo favoloso ricamo animato: dal sapore anticato e affascinante, lesti si viene trascinati in un indistinto Medioevo... [ continua a leggere]

    7.5/10
    -

    Antesignano, ispirato e ispiratore, “Siamo in 11!” si rivela un ottimo lungometraggio dal tipico gusto che oggi potremmo definire “vintage” (o di stampo “eighties”, che dir si voglia).
    Nella sua ingenua e oramai preistorica fantascienza che permette di calarci in un’atmosfera cyber-quasi-punk da metà anni ottanta, l’incipit dell’opera fa quasi sorridere per quanto scientificamente approssimativo e fantasioso, tuttavia capace di gettare semplici e... [ continua a leggere]
    -

    “A scuola mi chiesero cosa volessi diventare da grande, ed io risposi “felice”. Mi dissero che non avevo capito l’esercizio, ma io dissi loro che non avevano capito la vita.”
    - John Lennon

    “Che si sarebbe arrivati a questo, mai l’avrei potuto pensare. È colpa mia, e del falso che sono.”

    Antefatto: è comune abitudine considerare la propria vita come un susseguirsi di banali consuetudini e noiosa routine - tranne, ovviamente, rari e sporadici casi.... [ continua a leggere]
    -

    N2T2U 2 NO TO2I2A

    Sordido pioniere dello shonen-ai e nel contempo d’uno shoujo ai limiti del paradossale, “Natsu e no Tobira”, suo malgrado, si palesa come antesignano sui generis, capace di racchiudere tutto e niente, patriarca di un disagio raramente vissuto davanti a uno schermo in quattro terzi, il tutto trasposto da un manga (ormai vintage) di Takemiya, stessa autrice de “Il poema del vento e degli alberi”, primo manga yaoi della storia.
    Pronti... [ continua a leggere]
    -

    “Il mondo è pieno di bestie spaventose, piccola mia...”, disse chiaro e tondo l’anziana signora, nonna premurosa, forse troppo, di una ragazzina piena di sogni, frustrazioni e difficoltà.
    “...eppure, c’è del buono, là fuori, padron Frodo, e vale la pena lottare per esso!”, esternò a cuore aperto il fiero e coraggioso Samvise Gamgee, in uno dei momenti più toccanti de “Il Signore degli Anelli”.
    Sembrano due cose che non hanno niente a che fare l’una... [ continua a leggere]
    -

    L’animazione fatta zucchero filato.
    Classico shojo scolastico, leggero come nuvole, una visione che scivola via pari ad acqua, scorrevole, a tratti impalpabile, a tratti tanto coinvolgente quanto gentile.

    L’incipit buffo e ironico che paragona la protagonista di questa storia allo spettro deambulante dell’horror “The Ring” (“The Grudge” in madrepatria) riesce a rivelarsi una scelta di sceneggiatura divertente e allegra, azzeccatissima per introdurci... [ continua a leggere]
    -

    Ma esattamente, che genere di città sarà Cremona?
    Arduo quesito per un adolescente Giapponese di metà anni ’90, senza dubbio.
    In realtà la risposta è ben più articolata e complessa; guardiamo quindi questo lungometraggio nella sua sottile interezza, e sorridiamo con genuina sincerità: Hiiragi e Miyazaki sensei affondano delicatamente le mani nel cilindro delle fiabe e ne estraggono una storia di dolce spessore, nostalgia adolescenziale e di inevitabili,... [ continua a leggere]
    -

    “Riesci a immaginare una vita dove non puoi toccare la tua amata neanche con un dito?
    Nel linguaggio dei fiori, una rosa bianca appassita significa una promessa eterna”.

    Poteva essere l’incipit di una storia drammatica e coinvolgente, invece si rivela il preambolo di qualcosa d’incompiuto, incompleto, a sprazzi irritante, a tratti deludente, nonostante la capacità di emozionare e addirittura commuovere in alcuni, sparuti frangenti.
    In tutta onestà,... [ continua a leggere]

    8.0/10
    -

    “-Non mi serve a niente venire lassù per vedere il tramonto!
    -Non lo puoi sapere fin quando non scali il muro. Certo se non provi, non c’è niente da vedere.”

    Sinossi? Non proprio. Più che altro, importante preludio all’anime di cui andiamo a discutere, racchiuso nel suddetto scambio presente nei primissimi episodi: un crescendo gentile ma importante, un veicolo di motivazione tanto pacato quanto insistente… questo è «Barakamon».
    Forte di un comparto... [ continua a leggere]
    -

    “Mele, i più sospetti fra i frutti”.
    Concetto radicato nell’immaginario collettivo sin da Eva in quel del giardino dell’Eden, elemento adattato per le più disparate storie, fiabe o parabole: Biancaneve (...) appunto, in primis, un parallelo biblico dai risvolti insospettabili eppur non così complessi.
    “Scarpette rosse e i sette nani” è sostanzialmente un mix di citazioni indossate a mo’ di vestito da ultimo ballo, non troppo convincente, tuttavia... [ continua a leggere]
    -

    Sono passati tanti anni, ma l’impressione è rimasta immutata: il primissimo film dello Studio Ghibli corrisponde a uno dei suoi migliori lavori in assoluto, un classico senza tempo, meraviglioso quarant’anni fa, come oggi.

    Miyazaki sensei - grazie alla sofisticata e originale fantasia che da sempre lo contraddistingue - ci prende delicatamente per mano, portandoci ad ammirare paesaggi suggestivi dotati d’un tocco prettamente steampunk filtrato all’iconico... [ continua a leggere]